Maldive, Oceano Indiano

Atollo di Lhaviyani (Maldive): 60 isole con 5 abitate

Atollo di Lhaviyani (Maldive) a nord dell’Atollo di Male Nord

L’Atollo di Lhaviyani (Thiladhunmathi North) è situato nella parte settentrionale dello Stato insulare della Repubblica delle Maldive. Si trova a nord dell’Atollo di Malé Nord nell’Oceano Indiano ed a sud-ovest dell’India. E’ protetto da una barriera corallina a est. Misura circa 35 km di lunghezza e 37 km di larghezza. Comprende 60 isole. Di queste, 5 sono abitate. Lussureggianti di vegetazione, sono situate nella posizione più esterna. La laguna è piuttosto aperta e profonda circa 50 metri. Il fondale di sabbia è costellato di formazioni di coralli e di scogli sommersi, eccetto che nella parte sud-orientale. La varietà di vita marina dell’Atollo di Lhaviyani contraddistingue le Maldive.

Dalla fine degli anni ’70 del ‘900 l’Atollo di Lhaviyani nelle Maldive è aperto al turismo. I vacanzieri sono attratti dal clima favorevole, dalle spiagge di sabbia bianca, dalla barriera corallina nelle limpide acque calde dell’Oceano Indiano. E vi sono pure relitti di navi naufragate.

Snorkeling e immersioni nella barriera corallina

I siti per snorkeling e per immersioni nell’atollo sono circa una cinquantina. Alcuni si trovano nelle vicinanze della riva, altri sono raggiungibili in breve tempo su imbarcazione. Si incontrano delfini, dentici, tonni, carangidi, squali, tartarughe marine, mante. Sono specie residenti nelle acque delle Maldive. Tuttavia, sono più diffuse nelle acque dell’atollo di Lhaviyani nei mesi tra maggio e novembre. I siti con anfratti e grotte all’interno della barriera corallina sono visitati da subacquei di ogni livello. Invece, le irte pareti esterne che si inabissano nell’oceano fino a 35 metri di profondità sono adatte ai più esperti.

Economia: isola di Felivaru e isola di Naifaru

L’economia dell’Atollo di Lhaviyani (Maldive) è basata sia sulla pesca praticata con metodi tradizionali che non alterano l’ambiente marino, sia sulle entrate del flusso turistico. Dal 1977 sull’isola di Felivaru (tra le isole di Naifaru e di Hinnavaru) è in funzione l’unica industria di inscatolamento del tonno presente alle Maldive. E’ decisamente prospera per l’esportazione in Europa. L’isola di Naifaru è la capitale e la città più popolosa dell’Atollo di Lhaviyani (Maldive). Il porto è affollato di pescherecci e di imbarcazioni adibite al collegamento tra gli atolli a nord e con Malè.

Atollo di Lhaviyani (Maldive): isola di Maafilaafushi

A partire dal 1987 l’isola di Maafilaafushi è diventata una delle poche isole abitate delle Maldive. Lo scopo era di ridurre la densità di popolazione sull’isola di Malé e sulle altre già abitate. Per spiegare: l’isola di Maafilaafushi fu popolata soltanto durante il regno del sultano Mohamed Imadudheen I in carica dal 1628 al 1648. In seguito tutta la popolazione emigrò sull’isola di Naifaru. Così Maafilaafushi rimase disabitata.

Come raggiungere l’Atollo di Lhaviyani

L’idrovolante che raggiunge l’Atollo di Lhaviyani salpa da Malé, capitale della Repubblica delle Maldive. E’ distante 120 km. Durante la navigazione si possono ammirare impagabili vedute panoramiche. Infatti, gli atolli emergono da acque marine di tonalità sfumate dal turchese al blu.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.